Come asciugare i capelli

Come asciugare i capelli

L’asciugatura dei capelli è un passaggio importante della loro cura. Non si tratta, infatti, solo di realizzare una messa in piega che li renda belli da vedere, ma anche di mettere in atto alcuni accorgimenti per evitare danni e – ove possibile – favorire la salute della chioma.

Se le condizioni lo consentono, la cosa migliore da fare è lasciare che i capelli si asciughino naturalmente, senza l’aiuto di fonti di calore dirette, che accelerano il processo, ma possono influire sul benessere del fusto. Tuttavia, soprattutto nelle stagioni fredde, il ricorso al phon diventa necessario per evitare raffreddamenti o dolori, causati dal contatto prolungato tra la chioma bagnata e la zona testa-collo.

Quando si ricorre all’asciugatura attraverso un getto diretto d’aria calda l’aspetto più importante da considerare è la temperatura, poiché rappresenta la variabile che rischia di fare più danni se non controllata. Per questo la tecnica che andiamo a esaminare si basa proprio sull’impostazione della temperatura nelle varie fasi dell’asciugatura. La procedura si svolge in tre step, di diversa durata e intensità. Un aiuto nello svolgimento può esserci fornito dall’asciugacapelli stesso: la maggior parte di quelli regolabili in commercio propone proprio tre livelli di temperatura.

Fase 1: asciugatura globale a temperatura media

Questo primo step consiste in un’asciugatura diffusa con lo scopo di andare a rimuovere dai capelli dal 60 all’80 per cento dell’umidità (più si desidera un capello liscio e senza onde, più sarà necessario asciugare durante la prima fase). La temperatura più indicata è quella intermedia: esporre il capello all’aria molto calda per un tempo prolungato potrebbe danneggiarlo e – viceversa – ricorrere a un getto troppo freddo renderebbe, invece, l’operazione molto lunga (soprattutto in caso di chiome estese) e di modesto effetto, rischiando così di dare gli stessi problemi dell’asciugatura senza phon.

Fase 2: messa in piega ad alta temperatura

Per “piegare” i capelli alla nostra volontà e ottenere l’acconciatura desiderata è necessario utilizzare aria calda, in modo da ammorbidire temporaneamente il fusto e fargli prendere la forma prescelta. In questo passaggio è importante rivolgere sempre il getto dall’alto verso il basso, in modo da non sollevare le cuticole. Se abbiamo compiuto correttamente la fase precedente di pre-asciugatura, questo step non dovrebbe richiedere molto tempo. Di conseguenza, riusciremo a contenere i danni provocati dall’esposizione della chioma all’alta temperatura.

Fase 3: fissaggio a bassa temperatura

Il capello, se lasciato caldo dopo la fase di messa in piega, rimane molto malleabile, può quindi succedere che la forma ottenuta si modifichi, perdendo l’effetto desiderato. Per fissare la piega è sufficiente passare i capelli con il phon settato sulla temperatura più bassa possibile.

Offerte Speciali

TUTTE LE OFFERTE